Andando a Nord

Episodio 1

Sonnecchio sul sofà, mentre la televisione parla. Danno un film con Liam Neeson nella parte di un agente federale che viaggia su un jet diretto a Londra e si trova a dover salvare i passeggeri dalle minacce di un assassino. Rabbrividisco un poco, ma nel dormiveglia suona l’allarme sul cellulare: sono già le tre. Il viaggio in auto fino a Bergamo è lungo, buio, freddo e assonnato, un presagio quasi di quel che ci aspetta.

Ad ogni occasione, mi riprometto di viaggiare in tranquillità, senza la preoccupazione di misure e peso del bagaglio e piuttosto, di partire con l’essenziale. Poi, puntualmente, ci ricado. Questa volta però, le dimensioni del bagaglio a mano gratuito erano davvero severe, illegali direi e non stavo andando in ferie alle Canarie, per cui basterebbero bikini e havaianas. Da sottolineare, poi, che non sono la turista tipo, dei trolley imbottiti come il tacchino del Ringraziamento.

Riusciamo a sgusciare attraverso il gate e ci appollaiamo sul sedile dell’aereo. Pronta per lasciarmi andare alla stanchezza, noto il nervosismo del passeggero affianco a me, mentre tra le mani spreme voracemente una bottiglietta di plastica. D’un tratto si alza e precipitandosi verso la cabina, afferra il telefono di bordo. Michele mi lancia una strana occhiata e io ripenso al film. Vuole scendere e ha abbandonato la povera bottiglietta sul sedile.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...